Articles

Fighting Fifth Redemption for Not So Sleepy

Cosa succede ai cavalli dopo il ritiro dalle corse?

14 Giu 18

Facciamo un enorme sforzo per rintracciare i cavalli una volta che lasciano le corse, per proteggere e promuovere il loro benessere continuo.

I puledri purosangue devono essere registrati e micro-scheggiati entro 30 giorni dalla nascita, il che significa che i cavalli da corsa possono essere rintracciati e identificati per tutta la vita, compresi quelli che non riescono a competere ai massimi livelli.

Il 90% dei cavalli che lasciano le corse è rappresentato – una cifra impressionante che l’industria è costantemente impegnata a migliorare. Inoltre, ogni anno, British racing investe £750.000 in programmi per reinserire e riqualificare ex cavalli da corsa. Inoltre, molti rimangono all’interno dello sport, sia come parte del settore dell’allevamento, o ancora impegnati in questo sport a livello amatoriale, dove ci sono ancora standard di benessere estremamente rigorosi in atto.

British racing prende incredibilmente sul serio il benessere dei cavalli che lasciano lo sport, e ha creato la propria carità con il solo scopo di garantire che i cavalli da corsa trovano appagante seconda carriera dopo le corse. Nel 2018 sono 13.000 i cavalli da corsa iscritti alla Riqualificazione dei Cavalli da Corsa come attivi nelle discipline equine.

I proprietari di British racing – rappresentati dall’Racecourse Owners Association – hanno recentemente accettato di aumentare ulteriormente il loro contributo in denaro per finanziare il rehoming e la riqualificazione dei cavalli da corsa in pensione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.