Articles

Ciò che Enrico VIII in genere mangiava in un giorno

Se sei il tipo di persona a cui piace un po ‘ di varietà nel piatto (o, in questo caso, molta varietà e molti piatti), la corte reale di Tudor in Inghilterra non era un posto così brutto, secondo gli storici Palazzi reali. Carne? Un sacco di carne, sia animali domestici che selvaggina — cervo (sì, gli antenati di Bambi), cinghiale e persino castoro. Sul lato addomesticato, piatti carnosi sarebbero fatti da manzo, agnello, maiale, e buoi, e ogni sorta di pollame — tra cui cigni e pavoni. La pratica religiosa proibiva il consumo di carne il venerdì, e così il pesce veniva sostituito, ci dice la Storia Extra. Frutta e verdura crude erano considerate cibo contadino e probabilmente malsano, e quindi non molto in evidenza, ma i prodotti da forno erano un’altra questione. Il pane era popolare; le torte inglesi erano comuni, usando frutta, ma anche torte di carne, come la carne tritata che includeva carne macinata nella ricetta, e altri tipi di carni e salsicce. E sugo. Latte cremoso aggiunto alle possibilità di dolci e girovita in espansione. Alla fine (o al centro, a seconda di come vuoi guardarlo), Henry ha pagato un prezzo temibile: quando è morto all’età di 55 anni, con ogni probabilità soffriva di gotta, diabete e pressione alta. Un’insalata non l’avrebbe ucciso. A seconda di quanto vestirsi ha usato.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.